I vincitori della VII edizione del Premio Letterario Nazionale Liberalia

SEZIONE NARRATIVA
1° classificato

Enzo D’Andrea

con l’opera “Le verità di Girolamo Venneri
Vai alla bio

2^ classificata

Chiara Dario

con l’opera “Padre nostro
Vai alla bio

3° classificato

Mario Trapletti

con l’opera “Racconti di un cervello vagabondo
Vai alla bio

ENZO D’ANDREA

Vive in provincia di Potenza. Ha pubblicato due romanzi per i tipi della 0111 Edizioni: Le Formiche di Piombo (2013) e L’uomo che vendeva palloncini (2016). Un suo inedito, nel 2017, è giunto tra i finalisti del Premio Neri Pozza. Dal 2017 al 2021 è stato sotto contratto con la Trentin Agency. Nel tempo libero, oltre alla scrittura vera e propria, recensisce libri, frequenta scuole e workshop di scrittura e redige articoli su temi letterari in vari blog.

SEZIONE poesia
1^ classificata

Annalisa Pistoia

con l’opera “Sogni e risvegli
Vai alla bio

2° classificato

Riccardo Carli Ballola

con l’opera “Punti di vista in allestimento
Vai alla bio

3^ classificata

Cinzia Manetti

con l’opera “Primavera di Pace verrà
Vai alla bio

ANNALISA PISTOIA

Classe 1977, pugliese. È stata finalista, segnalata e pubblicata, in numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali. Vincitrice del Concorso “Empty Book – Racconti in cucina” Ed. 2014, X edizione – Cagliari; 1° Classificata Concorso “Le lettere violette di Eleonora Duse” I Ed. 2014 – Associazione Culturale Akelon, Asolo (TV); 1° Classificata Concorso “C’era una volta e c’è… una Regina Rosa” II Ed. 2022 – Edizioni del Loggione, Modena; 3° Classificata IV Premio Letterario Città di Grosseto “Amori sui generis” 2022 – Associazione Culturale “Letteratura e dintorni”, Grosseto; Vincitrice “Racconti nella rete” 2023 – LuccAutori, Lucca.

SEZIONE RACCONTI BREVI
1° classificato

Gennaro Castellano

con l’opera “Munfrà noir
Vai alla bio

2^ classificata

Anna Maria Di Terlizzi

con l’opera “La lettera sul cuscino
Vai alla bio

3° classificato

Antonio Chiarello

con l’opera “La festa di compleanno
Vai alla bio

GENNARO  CASTELLANO

Nato a Napoli vive tra Milano e il lago Maggiore.
Studi di architettura. Dalla fine degli anni 80 si occupa di arte contemporanea lavorando per gallerie
private e istituzioni museali, le sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private.
Visitor professor in accademie di belle arti e università, autore di pubblicazioni relative al tema. A partire dalla fine dei ’90 si interessa del rinnovamento del linguaggio artistico, verso una dimensione
pubblica dell’arte con particolare attenzione al tema delle migrazioni e del dialogo tra culture.
Partecipa a seminari e convegni promossi da istituzioni, fondazioni culturali e amministrazioni
pubbliche. Nel 1999 promuove una rete interdisciplinare operativa definita ProgettoZingonia e nel
2004 fonda l’associazione non profit per l’arte contemporanea Reporting System. Il progetto
“Zingonia: Arte Integrazione Multicultura” ha vinto nel 2003 il Minimum prize di Cittadellarte-
Fondazione Pistoletto per la mostra “Arte Pubblica: lo spazio delle relazioni” a cura di Anna
Detheridge e il progetto “Voyages croisés” (2003-2005), in collaborazione con Huit Facettes
Interation, è stato invitato da Okwui Enwezor alla Biennale di Siviglia nel 2006.
Autore di pubblicazioni di settore:
– Portrait of King Paintin’. Allemandi Editore, Torino, 2019
– Pratica al plurale. Edizioni Officina Libraria, Milano 2012
– Diari in attesa. Edizioni Officina Libraria, Milano 2008
– Voyages Croisés. 5continents editions, Milano – Fondazione Pistoletto onlus editore, 2005
– Zingonia:Arte Integrazione Multiculture. Edizioni: a+mbookstore, Milano, 2002
– Junky pictures. Edizioni: a+mbookstore, Milano, 2000
Da sempre estimatore delle lettere, da alcuni anni si dedica in prima persona alla scrittura, cui
approda dopo una lunga militanza nel mondo dell’arte e dell’editoria di settore. Al suo attivo una
serie di racconti (alcuni pubblicati in raccolte, in seguito a concorsi) e romanzi (ancora inediti).
– Messaggi vocali, in AA.VV. Edizioni Ensemble, Roma, 2019
– L’odore del sangue, in AA.VV. I racconti di Cultora, volume I, Historica edizioni, 2019
– Paolino il tuttofare, in Inchiostro noir. Del Miglio editore. 2021, Verona
– Therapy 1978, Premio letterario Residenze Gregoriane. 2021, Roma
– Soirée Manzoni, pubblicato in Magma magazine. 2022, Roma
– La ciclabile della Martesana, Giacovelli editore, Milano, 2022
– Il chiosco dei polli arrosto Giacovelli editore, Milano, 2023

SEZIONE SAGGI
1° classificato

Claudio Leandri

con l’opera “I vestiti nuovi dell’imperatore
Vai alla bio

2° classificato

Sandro Manoni

con l’opera “Saggi brevi da Venezia – Pensieri in libertà
Vai alla bio

3° classificato

Oscar Esile

con l’opera “L’evolversi è impresso nella legge di natura
Vai alla bio

CLAUDIO  LEANDRI

Nato il 4 novembre 1957 a Ravenna, laureato in Scienze Politiche all’università di Bologna nel 1982, pratica giornalistica dall’83 all’84; giornalista pubblicista iscritto all’albo dal 1985; dal 1985 al 2019, ha lavorato in aziende di diversi settori industriali: costruzioni, servizi
pubblici, largo consumo, logistica distributiva, agroalimentare. A partire dal 1996 ha
ricoperto incarichi dirigenziali come Direttore Risorse Umane, Direttore Generale e
Amministratore Delegato; nel 2017 ha pubblicato il saggio: “Animali Invisibili, la deriva etica della nostra civiltà alimentare”, per l’editore Dissensi. A riposo dal 2020, si dedica alla scrittura come hobby: nel 2022 ha esordito nella narrativa con il thriller “Radici”, edizioni Nulla Die; nel 2023 ha pubblicato il romanzo giallo “Il cinghiale bianco”, edizioni Nulla Die; con lo stesso editore, è in corso la pubblicazione del romanzo giallo “La virtù del bradipo”.